,

Caratteristiche della carta e del cartone

Carta e cartone, facciamo chiarezza.

Quali sono le caratteristiche della carta? Quali differenze? Cosa necessita il nostro packaging? Su quale carta lo farò stampare?

Fondamentale per distinguere i tipi di carta/ cartone presenti in commercio è lo spessore o grammatura. Questa è una delle caratteristiche della carta più importante. 

La grammatura di una carta altro non è che il rapporto tra il peso di un foglio, espresso in grammi, e la sua superficie, che si misura in metri quadrati.

Tipi di carta

In base alla grammatura si distinguono diversi tipi di carta

  • carta leggera o carta semplice con spessore tra 35-60 g/m2;
  • carta da stampa con spessore tra 60-115 g/m2;
  • carta ruvida con spessore tra 115-220 g/m2;
  • cartoncino con spessore compreso tra i 220 g/m2 e i 300 g/m2;
  • cartone, ovvero tutti i materiali cartacei che superano i 350 g/m2 di spessore
  • In genere la carta semplice è usa per le pagine dei quaderni o i fogli dei block notes.
  • la carta da stampa è quella che tutti conosciamo come “carta da fotocopie”, di norma conservata in risme di fogli oppure direttamente all’interno delle stampanti da ufficio. Disponibile nei due diffusissimi formati, l’A4 e l’A5, la carta da stampa ideale presenta una grammatura di circa 80 g/m2. 
  • Robusta e pregiata, la carta ruvida rappresenta la soluzione ideale per tutti gli utilizzi specifici legati al disegno: la speciale grammatura conferisce, infatti, a questa carta la capacità di assorbire e, dunque, trattenere sulla superficie più inchiostro rispetto ad altre grammature. La carta ruvida è adatta a qualunque tipo di impiego e si presta molto bene a ricevere, senza distinzione, i più diversi tipi di materiale: acquarello, tempera, china, grafite e carboncino.
  • Il cartoncino è certamente il supporto più utilizzato per stampare i biglietti da visita. La sua grammatura, liscia e particolarmente resistente nella consistenza, è perfetta per realizzare i materiali di rappresentanza aziendale più importanti
  • il cartone è in assoluto il tipo di carta più resistente: pesante e spessa, questa carta è costituita da uno strato ondulato centrale, racchiuso tra due fogli piani laterali. Di origini antichissime, risalenti addirittura alla Cina del XV secolo, il cartone è sempre stato usato per scopi commerciali, in particolare come materiale da trasporto per la vendita di prodotti di largo consumo.

Tipologia di cartoni

  • Cartoncino o cartone piatto
  • Onda semplice, costituito da due fogli esterni e uno ondulato interno.
  • Cartone a onda doppia, costituito da tre fogli, di cui due esterni e uno centrale e tra essi due fogli o così vengono chiamati cartoni dello share.
  • Il cartone ondulato è il materiale utilizzato per gli imballaggi. È costituito da due superfici di carta piana, dette copertine, e una carta ondulata, il tutto tenuto insieme da collanti naturali. L’azione combinata delle copertine e dell’onda interna conferisce rigidità e resistenza al cartone e di conseguenza all’imballaggio. Esistono quindi tanti tipi di cartone che si differenziano in base alle carte con cui vengono realizzati, alle grammature, in base alle altezze delle onde (singola, doppia o tripla) ed al coefficiente di ondulazione.

Tipologia di cartone

  • ONDA N – 0.7 mm
  • ONDA E (MICROONDA) – 1.5 mm
  • ONDA B (ONDA BASSA) – 3.0 mm
  • ONDA C – 4.0 mm
  • ONDA EB (MICROTRIPLO) – 4.5 mm
  • ONDA BC (TRIPLO) – 7.0 mm
  • ONDA CC – 8.0 mm
  • ONDA CCH (3 ONDE) – 13.5 mm

Ecco infine alcuni nostri fornitori

 

http://rdmgroup.com/it/

https://www.progestspa.com/it/cartone/