Scatole personalizzate. Come valorizzare il packaging.

pantoni

Vi servono scatole personalizzate?

A chi affidarsi?

Scatole personalizzate. Come valorizzare il packaging.

Le nostre scelte come consumatori , comprese quelle di acquisto, passano attraverso i nostri 5 sensi. Quando parliamo di packaging e di scatole personalizzate, la vista gioca il ruolo fondamentale: possiamo continuare a ripetere all’infinito che la qualità è ciò che conta, ma se riusciamo a creare un bel prodotto , allora il marketing ha davvero fatto un buon lavoro.

Il packaging, però, non è solo un modo per rendere più accattivante un prodotto, ma è la via per la comunicazione di tante informazioni: il brand, i valori aziendali, la grafica coordinata e accattivante , le indicazioni del prodotto, il tipo di mercato di appartenenza e molto altro.

Oggigiorno tutti i brand devono avere una vision eco-sostenibile.Sicuramente non sceglieranno un packaging in plastica, ma uno in carta o cartone riciclato e riciclabile.

Infatti, una scatola personalizzata ben riuscita serve anche a costruire la reputazione del brand: per questo sarà diversa in base al tipo di contenuto, che può essere di ogni genere, dalla cosmesi al settore food and drink, da quello farmaceutico a quello dell’abbigliamento, etc…

Sempre nell’ambito della costruzione della propria brand reputation e della qualità del prodotto, le confezioni possono essere di diversi tipi, per comunicare in maniera differente. Un packaging aperto, come quello della frutta, punta tutto sul mostrare il suo aspetto e le sue caratteristiche. Le scatole personalizzate con la finestra, come quelle della pasta o del riso, servono a dare solo la percezione del prodotto, senza mostrarlo completamente. Il packaging chiuso, invece, oltre a proteggere prodotti delicati, offre un’ampia possibilità di giocare sulle immagini, sui colori e, in definitiva, sulla comunicazione in generale.

Come progettare la grafica per le tue scatole personalizzate 

Quando un’azienda ha bisogno creare il packaging per i suoi prodotti, la prima cosa da fare è capire il tipo di contenuto per creare un progetto grafico che studi la forma, la misura, il design, i testi, tenendo presente il target, i competitor, le normative, il tipo di materiale scelto e, naturalmente, il budget. Quanti acquisti si fanno di impulso senza neanche leggere cosa c’è scritto sulla confezione? Anche l’ottimizzazione delle scatole personalizzate che si progettano è importante, soprattutto quando si tratta di prodotti di largo consumo, impilati a decine sugli scaffali: più la confezione sarà ottimizzata, più saranno i prodotti esposti e, quindi, le chance di vendita.

 

A questo punto, si procede con la realizzazione del mock-up, realizzato a plotter o virtuale, per dare al cliente l’esatta percezione di quello che sarà il packaging a fine lavoro. E’ un prototipo  ed è il mezzo principale per controllare ogni dettaglio. La cianografica invece sarà utile anche al grafico e allo stampatore per verificare il risultato finale del lavoro. E quando tutte le parti sono soddisfatte, si può finalmente procedere alla produzione delle scatole personalizzate!

Creiamo un tracciato fustella particolare e personalizzato

Di forme e tipologie di scatole ne abbiamo una enotmità.

Chiusura ad alette, fondo automatico, fondo a incastro, automontante, con divisori interni: una confezione può avere tante caratteristiche, ma per arrivare a questi risultati è necessario un tracciato fustella di precisione. Parliamo, forse, del momento più complicato nella realizzazione di un packaging, in cui la professionalità e l’esperienza sono imprescindibili e la precisione totale. 

Ma di cosa si tratta ?

E’ un disegno tecnico che è quello che definisce la struttura di tutto il packaging in ogni minimo particolare. Grazie a una fustella ben fatta si utilizzeranno al meglio tutti gli spazi per una resa ottimale del foglio, traducendo il tutto in un risparmio. Grafica, aree di stampa, senso di lettura del packaging, misure: la fustella definisce tutto e per questo non si devono compiere errori nella sua realizzazione.

La carta e la stampa. Un mix perfetto!

 Scatole personalizzate. Come valorizzare il packaging.

Nella realizzazione delle scatole personalizzate, il materiale con cui vengono fatte è il primo punto: di solito, si tratta di cartone teso o ondulato, a seconda del tipo di destinazione del contenitore e della tipologia di contenuto.

Si tende, spesso, a pensare che il cartone (ondulato) sia il materiale migliore perché resistente, ma rimane comunque il meno nobile e gradevole sotto l’aspetto estetico. Il cartone teso, un tipo di carta molto spesso (almeno g 290/m2), è invece resistente, elegante e adatto a molteplici tipologie di scatole personalizzate.

 

La stampa delle scatole personalizzate esprime una potenzialità davvero unica: spingere il consumatore a scegliere il prodotto tra mille!

Questo accade, ad esempio, attraverso la nobilitazione della superficie: forma, doratura, policromia, verniciatura, goffratura, serigrafia, sono solo alcune delle caratteristiche che è possibile attribuire alla propria scatola. Ma non solo! Con la plastificazione si ottiene il doppio risultato di migliorarne la performance, mentre la si definisce esteticamente.

 Scatole personalizzate. Come valorizzare il packaging.

Quello del packaging personalizzato è un mondo davvero meraviglioso: se hai dubbi sul tipo di scatola, sulla forma, sul materiale da utilizzare o sulla stampa non esitare a contattarci subito per scoprire in che modo i tuoi prodotti possono essere valorizzati, protetti ed esaltati a costi competitivi!