,

Classificazioni degli imballaggi

Classificazioni degli imballaggi, come procediamo?

L’imballaggio si è evoluto nel tempo accrescendo la propria com- plessità. I fattori che hanno permesso quest’evoluzione sono stati diversi, tra i quali gli sviluppi nel mondo della comunicazione, dei processi tecnologici e dei materiali.

Proprio i materiali hanno portato a un ampliamento delle possibilità applicative e l’espansione verso nuovi settori merceologici. In que- sta ottica il design, le innovazioni di prodotto e la scienza e tecnolo- gia dei materiali hanno interagito divenendo senza ombra di dubbio causa ed effetto di cambiamenti .

Se fino a non molto tempo fa il packaging è stato maggiormente fi- nalizzato alla funzione di protezione del contenuto da contamina- zioni esterne, attualmente l’uso di materiali funzionali e delle nuove tecnologie ha permesso la generazione di una nuova categoria di imballaggi definita come smart packaging, nella quale un materia- le, un trattamento superficiale o una tecnologia permettono l’ag- giunta di funzionalità all’imballaggio.

Prima di proseguire con la trattazione, risulta necessario distingue- re le tipologie di imballaggio esistenti:

1. Imballaggio per la vendita o imballaggio primario: imballaggio a contatto con il prodotto che costituisce, nel punto di vendi- ta, un’unità di vendita per l’utilizzatore o per il consumatore;

2. Imballaggio multiplo o imballaggio secondario: imballaggio concepito in modo da costituire, nel punto di vendita, il rag- gruppamento di un certo numero di unità di vendita, indi- pendentemente dal fatto che sia venduto come tale all’utiliz- zatore o al consumatore, o che serva soltanto a facilitare il rifornimento degli scaffali nel punto di vendita. Esso può es- sere rimosso dal prodotto senza alterarne le caratteristiche;

3. Imballaggio per il trasporto o imballaggio terziario: imballag- gio pensato per facilitare la manipolazione ed il trasporto di merci, dalle materie prime ai prodotti finiti, di un certo nume- ro di unità di vendita oppure di imballaggi multipli per evitare la loro manipolazione singola. Inoltre, l’imballaggio terziario vuole minimizzare i danni connessi al trasporto.

Alcuni esempi di imballaggi cellulosici primari sono la scatola delle scarpe, il contenitore delle uova, il sacchetto del pane e i brick dei succhi di frutta, in quanto garantiscono la protezione e il conteni- mento del bene del quale usufruirà direttamente il consumatore.

Fanno invece parte degli imballaggi secondari, la scatola con la quale arrivano i prodotti acquistati on-line, gli espositori dei su- permercati e gli shopper dei negozi.

Infine, imballaggi terziari sono generalmente scatoloni per il tra- sporto utilizzati ad esempio dall’azienda produttrice al rivenditore, in maniera da riunire più unità di vendita o imballaggi secondari, che possono essere utilizzati – come nel caso dei discount – come veri e propri espositori della merce.

In funzione della loro composizione 16 gli imballaggi possono essere:

  • ›  Monomateriali, se costituiti da un unico materiale;
  • ›  Multimateriali, se presentano componenti realizzate in diffe-renti materiali che possono essere separate manualmente;
  • ›  Compositi (comunemente detti anche accoppiati o poliaccop- piati), se composti da due o più materiali non separabili ma-nualmente.